domenica 28 agosto 2011

Il gruppo rock dei Blitzkrieg denuncia Nuovo Ordine Mondiale, i terremoti artificiali e le scie chimiche


In questo video, potete ascoltare la storica punk band dei Blitzkrieg suonare la loro recentissima canzone (giugno 2011) contro il Nuovo Ordine Mondiale. Una canzone il cui testo si scaglia contro il codex alimentarius, che denuncia gli attentati sotto falsa bandiera realizzati dai governi contro la popolazione, la depopolazione, le scie chimiche, HAARP, i terremoti artificiali, l'agenda 21, il governo unico globale, la valuta unica globale, la religione unica globale, l'avvelenamento del cibo, la manipolazione  mentale che trasforma la gente in sudditi obbedienti. In essa si menzionano esplicitamente anche la nobiltà nera, il gruppo Bilderberg, le Georgia Guide Stones ed i murales dell'aeroporto di Denver, nonché la siccità artificialmente indotta tramite l'uso delle scie chimiche.

Il titolo della canzone è semplicemente NWO; non è il genere che preferisco ma in questo caso conta molto di più il messaggio ed il coraggio della denuncia.

Sotto il video potete trovare il testo della canzone sia tradotto in italiano che il lingua originale.



Traduzione italiana del testo di "NWO
"

Avete mai sentito parlare del codex alimentarius
malattia adesso obbligatoria, molto precario

Nutrizione rimossa, da ogni cibo
così loro controllano la popolazione 
la scelta viene eradicata, il cibo irradiato 
rintontisci tutte le pecore.

Questo nuovo ordine mondiale non funziona per me, 
questo nuovo ordine mondiale, economia globale.

Nobiltà nera veneziana 
o gruppi chiamati Bilderberg 
mosse strategiche, loro hanno approvato tutto  
manipolano il mondo. 

Le Georgia Guide Stones, il controllo della popolazione
l'agenda 21  
immagini in mostra oggi, nell'aeroporto di Denver 
Novus Ordo Seclorum.

Questo nuovo ordine mondiale, gli eventi sotto falsa bandiera 
questo nuovo ordine mondiale, governo globale.

Quando mai è stata menzionata HAARP
questa è HAARP, 
che crea buchi nel cielo 
un nemico invisibile. 

Mentre le montagne tremano altri milioni di persone
moriranno a causa di mega terremoti.
Diffondono le menzogne, avvelenano il cielo 
alcuni vecchi fiumi adesso sono in secca.

Questo nuovo ordine mondiale, la nuova nazione degli zombie  
questo nuovo ordine mondiale, una religione globale.
 
Coro:

Svegliatevi (svegliatevi) 
Voi pecore istupidite svegliatevi, svegliatevi!



LYRICS :

HAVE YOU EVER HEARD OF CODEX
ALIMENTARIUS
SICKNESS NOW COMPULSARY
VERY PRECARIOUS

NUTRITION REMOVED, FROM ALL THE FOOD
THEY THEN CONTROL THE PEOPLE
CHOICE IRRADICATED, FOOD IRRADIATED
DUMB DOWN ALL THE SHEEPLE

THIS NEW WORLD ORDER DOES NOT WORK FOR ME THIS NEW WORLD ORDER 1 WORLD ECONOMY

VENETIAN BLACK NOBILITY
OR GROUP CALLED BILDERBURG
STRATEGIC MOVES, THEY'VE ALL APPROVED
MANIPULATE THE WORLD

GEORGIA GUIDE STONES, POPULATION CONTROL
AGENDA 21
PICTURE ON DISPLAY, IN DENVER AIRPORT TODAY
NOVUS ORDO SECLURUM.

THIS NEW WORLD ORDER, THE FALSE FLAG EVENTS THIS NEW WORLD ORDER, 1 WORLDWIDE GOVERNMENT

WHEN WAS HAARP EVER MENTIONED
THAT'S H-A-A-R-P
CREATING HOLES IN HEAVEN
AN INVISIBLE ENEMY

WHILST MOUNTAINS SHAKE, FROM MEGA QUAKES
MILLIONS MORE WILL DIE
SPREAD THE LIES, POLLUTE THE SKIES
SAME OLD RIVERS RUN DRY.

THIS NEW WORLD ORDER, NEW ZOMBIE NATION THIS NEW WORLD ORDER, 1 WORLDWIDE RELIGION

CHORUS:
WAKE UP (WAKE UP)
YOU DUMBED DOWN SHEEPLE, WAKE UP, WAKEN UP!

Vegan straight-edge non vengono ascoltati dalle associazioni animaliste quando denunciano la vivisezione


Qui di seguito la traduzione della prima parte dell'inserto contenuto in un disco 7 pollici di genere metal/punk (su vinile, ma adesso scaricabile da questo link) che contiene brani di due band (Statement e Dim Mak) che aderiscono all'ideologia Straight-Edge Pro-Life (Surround records, 1998). Essere straight-edge significa essere vegan, animalisti e fermamente contrari all'uso di droghe e alcool, mentre essere Pro-Life significa (coerentemente con la scelta animalista) essere contrari all'aborto.

Dell'esistenza di tale disco abbiamo conferma da un catalogo olandese on line, commitmentrecords.nl, il quale fa cenno anche all'inserto qui tradotto:

STATEMENT - DIM MAK
3 song split 7" on Surrounded - € / $ 3
Statement is from the UK, and in fact is a one-man project, that has been around from the 1980s on, and debuted on Hardline Records with a 7". Their two songs on this split are pure metal, with militant animal liberation lyrics - the (female voice) spoken word part in the first song works out cool. Dim-Mak, the band on the B-side, are from the USA and play also metallic hardcore, with some emo-ish breakdown. Their song is about abortion, and they have written a large well-thoughtout piece in the booklet to explain why they are against abortion.
Da notare come la dettagliata motivazione della loro opposizione all'aborto (molti farmaci per l'interruzione della gravidanza sono testati su cavie animali) non abbia minimamente interessato le associazioni animaliste ed anti-vivisezione. Questo conferma come le associazioni di quel tipo siano da tempo manipolate affinché servano ai fini del Nuovo Ordine Mondiale. La riduzione della popolazione e della fertilità umana tramite vaccinazioni, aborti e veleni di ogni sorta, è palesemente una delle finalità delle élite criminali che ci governano, ed è per questo che tali associazioni non si battono contro l'uso di farmaci abortivi sperimentati crudelmente su animali né denunciano l'abominio delle scie chimiche. Con ciò ovviamente non intendiamo asserire che gli attivisti vegan antivivisezionisti o animalisti siano dalla parte degli avvelenatori, ma tutte (o quasi) le associazioni di un certo tipo (specie se di rilevanza nazionale) sono state create/manipolate affinché servissero alle finalità di chi occultamente governa questo pianeta, come già mostrato più volte.

Prima della traduzione della prima parte dell'inserto vi propongo il video di una canzone antivivisezionista della storica band punk francese dei Verdun (tratta dall'album "C'est pour demain")




Spesso siamo stati criticati per le nostre convinzioni ed opinioni in merito all'aborto. Intendiamo brevemente spiegare alcuni dei motivi per i quali sentiamo quello dell'aborto come un tema molto importante dal momento che un gran numero di persone ci ha presuntuosamente e ignorantemente discriminato per le nostre opinioni e per avere esercitato la nostra libertà di esprimerle. Queste persone si definiscono PRO-CHOICE (pro-scelta) ma ci contestano in quanto non ci conformiamo alle loro idee. Sono stanca di vedere dei gruppi aver paura di esprimere realmente quello che sentono e ragazze/i autori di ‘zines venire pesantemente criticati - quando non insultati – per essersi semplicemente pronunciati su questo tema scottante.

Sono stanca dello stereotipo che vuole tutte le persone PRO-LIFE (pro-vita) motivate dalla religione e da ideali destrorsi e conservatori o completamente pazze, fanatiche, cieche e piene di odio. Molti di noi sono mossi e guidati esclusivamente dalla compassione, non da un qualsivoglia Dio (né tanto meno dal papa o dal politico fascista di turno). Intendo subito mettere in chiaro che a nessuno di noi potrebbe importare meno di cosa una donna - o un uomo - decida di fare del (o col) proprio corpo, non stiamo certo a protestare di fronte alle cliniche di chirurgia plastica. Non consideriamo il feto come una parte del corpo.

Sono rimasta incinta all’età di diciotto anni e al momento ho un figlio di sei mesi che è cresciuto dentro di me: dormiva, respirava, si nutriva e il suo cuore pulsava. Potevo sentirlo agitarsi, rivoltarsi, perfino singhiozzare. Era di fatto nel mio utero e di fatto in vita, ma per nessun motivo era un “organo del mio corpo”. Crediamo fermamente che nessuna creatura vivente debba essere trattata come una proprietà. Non possiedo mio figlio né mai l’ho posseduto.



I miei pensieri, le mie opinioni e la mia sensibilità sono stati gettati in disparte e disprezzati da persone che mi hanno accusato di essere anti-scelta. Sono una donna, sono passata - come molte altre - attraverso l'essere giovane, spaventata ed accidentalmente incinta. Ho visto molte mie conoscenti e amiche vivere l'agonia dell'aborto, eppure io, con tutto il mio cuore e tutta me stessa non posso giustificare questa pratica. Non ne sono proprio capace. E se questo fa di me una “stronza” o una “troia” che va contro la possibilità di scegliere, così sia. Ma sono pronta a controbattere.

Ci sono molte altre ragioni per le quali come gruppo siamo contrari all'aborto. Tra queste, una rilevante è data dal fatto che tutte le tecniche, le procedure e chiaramente anche i farmaci sono massicciamente testati su animali. Questi animali non hanno alcuna scelta!

La gravidanza è un evento evitabile e oggi esistono molti metodi per prevenirla, eppure per mera convenienza e per il loro solito tornaconto economico gli umano stuprano e inseminano degli animali indifesi per sperimentare l’RU 486, il Misoprostal, il Methotrexate e tutti gli altri farmaci approvati dalla F.D.A (Food and Drug Administration) in modo da poter tranquillamente scopare senza prendere precauzioni! Questo a mio avviso non ha alcun senso e sono profondamente offesa e contrariata dal fatto che i gruppi per i diritti degli animali preferiscano ostinatamente e deliberatamente fare finta di nulla. Ho scritto a più di trenta associazioni per la difesa dei diritti animali i cui indirizzi ho trovato su No Compromise (pubblicazione animalista-ecologista non istituzionalizzata) e ad altre ancora. L'unica in assoluto ad avermi risposto è stata l’American Anti-Vivisection Society che mi ha semplicemente scritto su un foglietto: “Cosa sta cercando di dimostrare?” Alla luce di questo dovrei dedurre che sia assolutamente sbagliato testare su animali a meno che ciò non renda più comodo e agevole fare sesso senza l'uso di anticoncezionali?

giovedì 25 agosto 2011

Chemical trails - una band contro le scie chimiche ed il Nuovo Ordine Mondiale

Il gruppo rock italiano, “Chemical trails” ha scritto diverse canzoni contro le scie chimiche e le élite occulte che ci opprimono (From the sky, Illuminati, Living Volcain). Potete seguirli ed ascoltare i loro brani su facebook o sul sito reverbnation.com.


Si ringrazia il sito tanker enemy per la segnalazione della band. 

martedì 23 agosto 2011

Amy Winehouse non è morta né di droga nè di alcool (ma noi lo avevamo capito da tempo)


Come avevamo subodorato già nei primi giorni dopo la morte, le versioni relative alla morte della sfortunata e bravissima cantante Amy Winehouse erano prive di fondamento. Come titola un odierno articolo pubblicato sul sito di Repubblica: "non fu overdose - L'autopsia non ha rivelato droghe".

E poi ancora "Minime le tracce di alcool. Smentite le voci diffuse dai tabloid". Non c'è che dire, l'avevamo detto ... e c'è da chiedersi: possibile che una anonimo blog sia più perspicace della maggior parte dei quotidiani? Davvero i giornalisti dei nostri tempi non sanno più fare seriamente delle indagini? O forse i giornalisti stanno diventando sempre di più dei passacarte, che ricevono ed adattano le veline che vengono loro inviate da chi gestisce l'informazione?
 
E adesso godiamoci Some unholy war

venerdì 12 agosto 2011

Vasco, dal fegato spappolato agli psicofarmaci, un esempio da non seguire

Vasco Rossi dichiara di essere vivo solo grazie alla chimica farmaceutica.
Chi ha letto già un po' di articoli di questo blog sa bene che l'idea che mi sono fatto del business musicale è  veramente pessima, e che gli artisti vengono sfruttati, spremuti, ridotti ad oggetti, a volte realmente pervertiti e costretti a veicolare messaggi subliminali e non per diseducare il popolo dei loro fan. Se necessario lo star system dopo un poco ti spinge al suicidio o direttamente o indirettamente (rendersi conto di come si viene trattati dal sistema può fare sprofondare nella depressione).
E precisa che si tratta di psicofarmaci
Se una volta Vasco Rossi cantava del whiskey da pendere al Roxy bar e del fegato spappolato che viene a forza di mandar giù alcool (e magari qualcos'altro) adesso confessa di essere passato ad un'altro tipo di neurotossina, ovvero gli psicofarmaci, dai pericolosissimi effetti collaterali

C'è da chiedersi quale sia la differenza sostanziale. Questo cantante era un cattivo esempio prima e lo è ancora adesso che parla positivamente di sostanze che creano dipendenza ed alterano la psiche di chi li assume (tali sono per l'appunto gli psicofarmaci).

Per chi non sapesse o non ricordasse le parole cantate da Vasco nella canzone "fegato Spappolato" ecco qua alcuni estratti significativi
(...)

con in bocca un gusto amaro che fa
schifo chissà cosa è stato, quello che ho bevuto,
m'alzo dal letto e penso al mio povero,
fegato, fegato spappolato,
fegato, fegato, spappolato

Dice mia madre devi andare dal dottore
a farti guardare, a farti visitare,
hai una faccia che fa schifo
guarda come sei ridotto,
mi sa tanto che finisci male.

La guardo negli occhi, con un sorriso strano,
eppure la vedo, forse ha ragione davvero

(...)

La sera che arriva
non è mai diversa dalla sera prima
la gente che affoga nell'unica sala LA DISCOTECA
ci vuol qualcosa per tenersi a galla sopra questa merda
sopra questa merda
e non m'importa se domani
mi dovrò svegliare con quel gusto in bocca, gusto in bocca
Le parole in grassetto sono particolarmente significative, ci vuole qualcosa per tenersi a galla sopra questa merda, motivazioni non molto differenti da quelle che vengono addotte adesso per giustificare la sua assunzione di psicofarmaci per tenersi a galla e non sprofondare nella depressione.

Insomma il messaggio che passa, ora come allora, è che non si devono affrontare i propri problemi, che non si deve guardare dritto negli occhi se stessi per capire cosa c'è che non va, che non bisogna comprendere il significato della sofferenza che si prova, che non occorre sforzarsi di trovare una strada per restare a galla senza prendere né alcool né altre droghe. La soluzione è la chimica: alcool prima, psicofarmaci adesso.

A me sembra che l'effetto di queste "cure" non sia assolutamente positivo, vedi questo recente video di Vasco (manifesto futurista della nuova umanità), canzone dal testo sfacciatamente nichilista, assolutamente negativo, un "ottimo esempio" per la legione dei suoi fans che viene spinta a considerare la vita quasi un disvalore. Del resto la costruzione del fenomeno "dark" da parte dello star system puntava nella stessa direzione (sto parlando di band come Cure, Joy division e simili, gruppi per altro che ho molto amato).


Certo adesso Vasco non veicola più messaggi sfacciatamente negativi (per ciò che concerne l'assunzione di alcool almeno) come nella canzone siamo solo noi, però il messaggio sotto sotto è lo stesso, solo si fa più subdolo, e serve a dare un ulteriore aiuto alle multinazionali che producono psicofarmaci, che proprio in questi ultimi anni hanno un giro d'affari in continuo aumento.

E così si da una mano alla psichiatria stessa (quella "scienza" che ha prodotto lobotomia elettroshock, contenzione forzata e manicomi), legittimandola.

Concordo quindi con quanto ha osservato un utente sul forum di Mario Luzzatto Fegiz (ospitato dal sito del corriere.it):


Vasco Rossi: un brutto messaggio!

Capisco il travaglio degli artisti di cui ci parla un lettore del forum, capisco l'ipersensibilità di certi talenti che invece di vivere la realtà la pensano e rimurginano dentro di loro, capisco lo sballottamento di alcune rockstar che passano da una città all'altra spesso da un fusorario all'altro, capisco tutto...ma di fronte a un tema così attuale e scottante come la depressione, mi piacerebbe che si smettesse con certi stereotipi del tipo è una malattia che si cura solo con gli psicofarmaci ... nulla di più sbagliato!

Gli psicofarmaci allentano il dolore ma il problema sussiste sempre, quindi al primo crollo ci si ricade. O si impara quanto prima a convivere con le frustrazioni, il dolore e la sofferenza cercando di combatterli con le proprie forze, cercando di cambiare atteggiamento mentale e di comportamento, dottori in questo senso ce ne sono, o altrimenti la prospettiva è quella di passare la vita sedati!

E Piuttosto che diventare un automa preferisco sentire ogni mia debolezza, ogni mio crollo, ogni mia ansia, comprendendo tutte le mie parti malate, fragili, bisognose e attivarmi in tal senso. E poi ci sono depressioni e depressioni... quelle che non ti fanno muovere dal letto, che ti neutralizzano, ma lì sta a te pensare se conviene annullarsi o tirarsi su da quel letto, la depressione usata come giustificazione, scusante alla propria mancanza di coraggio, quelle scaturite dall'ansia, altre reattive a certi dolori contingenti del momento come la perdita di una persona cara, o la perdita di un lavoro o debiti che non si riescono a pagare.

Equiparare la depressione sempre a una malattia che si cura solo con i farmaci è sbagliatissimo! Non si sta parlando di mal di schiena o mal di stomaco, ma di anima e di psiche. Il nostro organismo cambia milioni di cellule al giorno, perché anche la nostra mente non potrebbe cambiare con la stessa rapidità? Non siamo mai quelli del giorno prima e non siamo mai neanche uguali a quelli del giorno dopo, le nostre risorse sono infinite!

Io ho combattuto la depressione per 7 anni, e vi assicuro che non sono stati i farmaci a salvarmi quanto cambiare la prospettiva: da me agli altri, il segreto è staccarsi dal proprio egocentrismo, e poi fare fare e fare ... il pensiero deve liberarsi dal corpo, siamo fatti principalmente per agire e riflettere sulle nostre azioni, non siamo fatti per rimurginare ... certi pensieri sono come pietre che ostacolano il nostro flusso vitale.


Ma noi preferiamo ricordarlo com'era quando cantava canzoni più simpatiche e meno nehative come Albachiara:

giovedì 4 agosto 2011

Da Jim Morrison a Amy Winehouse passando per Jimi Hendrix, Janis Joplin Kurt Cobain e Brian Jones, tutti morti a 27 anni


Amy Winehouse, la brutta cantante piena di orridi tatuaggi ma dalla bellissima voce sarebbe morta ufficialmente a causa del suo eccedere con l'alcool e la droga. Una spiegazione apparentemente plausibile ma ... 

Leggetevi un poco quanto scritto sul sito della BBC a riguardo del cosiddetto "club dei 27", idoli del rock maledetti morti tutti a 27 anni per droga, alcool suicidio, o almeno sono queste le spiegazioni ufficiali. Di tutte queste morti si è fatto un gran parlare ed il mistero permane in alcuni casi.


Anche per Amy Winehouse la morte potrebbe sembrare lo logica fine di una vita di eccessi, eppure lei si era appena disintossicata dall'eroina. Non dall'alcool però, dato che aveva dovuto interrompere il suo ultimo concerto ed annullare il tour perché troppo ubriaca per cantare.

E questo che c'entra col club dei 27? C'entra perché, come si legge su un articolo del quotidiano l'unità

Secondo la fonte, la Winehouse avrebbe ricominciato a prendere eroina e avrebbe potuto farsi volontariamente una dose troppo grossa perché "non le importava più di vivere". Alex Foden, il parrucchiere amico della Winehouse e autore della sua inconfondibile acconciatura, ha dichiarato che la star "sapeva" che si sarebbe unita al 'club dei 27' dei musicisti celebri morti a quell'età. "Amy mi diceva sempre di credere che sarebbe diventata un membro del club dei 27. Il fatto che abbia portato a termine i suoi piani mi spezza il cuore", ha detto Foden. Ma sulla catena di eventi che ha portato alla morte della Winehouse ancora pesano troppe ombre.

C'è da chiedersi se davvero questo pensiero di entrare a far parte del club dei morti a 27 sia un pensiero folle e paranoico di una personalità sitrutta dall'alcool e dalle drogheo se le sia stato suggerito da qualcuno. Ma questo credo che non lo sapremo mai.

Dallo stesso articolo apprendiamo che dopo l'autopsia restano ignote le cause, strano, una morte dovuta ad un cocktail di eroina ed alcool o anche solo di un'eccesso di uno dei due, non si sarebbe dovuta evidenziare dall'autopsia? Invece si parla di ulteriori istologici e tossicologici che, secondo quanto riporta il corriere, saranno noti tra non meno di due settimane. Senza rischiare di fare affermazioni azzardate mi permetto di dire che il quadro al momento non è per niente chiaro. Mentre appaiono un po' troppo frettolose le dichiarazioni ufficiali ed i titoli degli articoli di giornale apparsi subito dopo il decesso della sfortunata cantante, vedi ad esempio l'unità: "Amy Winehouse morta di overdose".  

A questo punto non possiamo fare a meno di notare che 2+7=9 e che la cifra 9 è legata fin troppo spesso ad eventi luttuosi e costruiti ad arte come l'11 di settembre, ovvero il 9 / 11 secondo la dicitura anglosassone.

Chi segue questo blog si dovrebbe essere reso conto che sia uno degli scopi dell’industria musicale quello di creare dei pessimi esempi da seguire per i giovani, nonché di sfruttare i veri talenti artistici e di utilizzarne l’arte per loschi fini.

A tale scopo non c’è niente di meglio della droga, dell’alcool, degli psicofarmaci per ridurre un artista ad uno zombie manovrabile.

Se tu sei un ragazzino che adora la musica e la tua icona pop-rock fa uso di eroina, cocaina e alcool e poi magari si suicida, avrai paura di quelle porcherie o ne sarai attratto?

Non sarebbe assurdo che un personaggio costruito appositamente per nutrire il target giovanile, che adorava e imitava il suo stile di vita (leggi i commenti lasciati dai fan), abbia dovuto trovare il suo epilogo in questo modo.

La musica costruita dall'industria discografica ha la missione di creare dei gruppi che seguono delle mode e di veicolare a questi gruppi dei modelli di vita.

Chi è rimasto che fa musica ed è famosissimo a livello mondiale senza uno scopo veramento occulto o perlomento di deviazione o distrazione da tutto quello che sta accadendo? Nessuno.

In ogni caso godiamoci la dolce e struggente canzone (Back to black) del video di apertura, una canzone sul solito trito e ritrito tema dell'amato che ci abbandona, il cui testo però è tutto fuorché poetico ... almeno nell'inizio quando Amy canta "kept his dick wet" ovvero "ha tenuto il suo uccello bagnato"

Forse è meglio allora Love is a losing game? Il testo verte sempre sulle solite malinconiche rime dedicato agli amori persi.

mercoledì 3 agosto 2011

Simbolismo occulto - Queen Vs. Lady Gaga

Articolo tratto dal blog la teoria del complotto

La leggenda narra che, all’inizio del XIX secolo, la tomba di Robert Bruce venne aperta e si trovarono le ossa delle gambe accuratamente incrociate sotto il teschio; forse qualcuno aveva un particolare interesse a collegare Bruce con il teschio e le tibie incrociate della Massoneria.



La "Skull & Bones" è una delle più note e discusse società segrete degli Stati Uniti ed ha la sua sede presso l'Università di "Yale".

La "Skull & Bones" ha forti caratteristiche settarie ed ha sede principale in un edificio all'interno del vecchio campus di Yale chiamato "la tomba" o la "cripta".

Uno dei motti delle insegne della Massoneria è "Ordo ab Chao", ovvero ordine dal caos. Alcune società segrete condividono con i regimi totalitari gli stessi ideali di matrice hegeliana, che impongono l'uso di un conflitto controllato tesi contro antitesi, per creare una sintesi.

Sintesi secondo cui lo Stato debba avere controllo assoluto sui cittadini, ai quali di volta in volta abbia facoltà di concedere maggiori o minori libertà in base alla loro obbedienza. Concetto sintetizzato nell'espressione "Nuovo Ordine Mondiale".

A differenza di altri Stati, in Scozia, i beni appartenuti al "Tempio" rimangono sotto il controllo e l’amministrazione di famiglie che, successivamente, si organizzano in "istituzioni neo-templari", come la "Guardia scozzese". Con l’Ordine del Tempio, il "culto della testa", di origine celtica, si trasforma in una vera e propria adorazione di un’entità che prende il nome di Baphomet.

Il vocabolo Baphomet deriva dal termine "baphoméries", ovvero edifici sacri musulmani simili alle moschee. Infatti, in Linguadoca era diffusa la leggenda circa l'esistenza di teste-automi capaci di predire il futuro. Questi automi furono indicati con il nome di "teste di Maometto" che, secondo le narrazioni popolari, sarebbero state presenti nei luoghi di culto islamici.

Nasce, quindi, dalle ceneri dei Templari, un nuovo "Ordine" comprendente una vasta gamma di discipline, dall’architettura all’esoterismo che, amalgamandosi perfettamente alla ultra centenaria tradizione templare, da vita alla moderna Massoneria "speculativa".

I templari erano particolarmente devoti anche alla "pietra del fulmine", luogo d’incontro tra cielo e terra, rappresentazione del potere che frantuma e spacca.

Derivazione dell'Udjat e probabilmente fusione dello stesso con l'Occhio di Ra, l'occhio onniveggente è un altro simbolo massonico e viene mostrato in numerosi monumenti americani, nonché tra le banconote da un dollaro.

Il simbolo si compone di un triangolo con dentro un occhio ("l'occhio di Dio") che sormonta, esattamente come un piramidion, una piramide tronca.

Simbologia evidentemente di origine egizia; tuttavia questa interpretazione è stata pesantemente criticata da alcuni fanatici fautori delle teorie complottiste, che ci vedono dietro l'Occhio di Lucifero, l'occhio dell'angelo decaduto dal quale, secondo una leggenda, fu intagliato il Santo Graal.

Secondo autorevoli riviste, tra cui l’inglese "The Economist", i membri delle principali società segrete mondiali, rappresentano la moderna risorgenza dell’antica setta degli "Illuminati di Baviera".

L'Ordine degli Illuminati, è il nome di una società segreta bavarese del secolo XVIII. Il nome è però stato associato a torto a numerose società segrete di matrice occulta.

Continua...